Questo sito contribuisce all'audience di

Questo sito contribuisce all'audience di

8.9 C
Milano
sabato 2 Marzo 2024

Euro e petrolio ancora in calo, pesano i timori di recessione globale

Milano – Continua il calo del prezzo del petrolio sulla scia del rafforzamento del dollaro e dei timori per una recessione globale. In avvio di settimana il greggio il WTI americano perde oltre un punto percentuale rispetto alle quotazioni di venerdì e passa di mano a 77,80 dollari al barile. Il Brent londinese cede l’1,18% a 85,13 dollari al barile.

Anche l’euro in netto calo sul dollaro, questa mattina a inizio contrattazioni, penalizzato ancora una volta dal fantasma della recessione. La moneta unica ha messo a segno un nuovo minimo di 22 anni, toccando i 0,955 sul dollaro ed al momento scambia a 0,963 usd. Pesante anche la sterlina britannica che risente della mossa del governo guidato dal nuovo premier, Liz Truss, che ha annunciato una vasta riforma fiscale e incentivi agli investimenti, con l’obiettivo di rafforzare la crescita economica del paese.

La divisa inglese tocca un minimo storico scivolando fino a a 1,035 sul dollaro (-4%) ed ora viaggia a 1,062 dollari in ribasso del 2,06%. Sul mercato valutario, lo yuan sfonda quota 7,15 sul dollaro per la prima volta da maggio 2020 e si attesta a 7,158 registrando un rialzo frazionale. La Banca centrale cinese (Pboc) ha indebolito il renminbi di 378 punti base, fissando la parità bilaterale a 7,0298, al livello più debole da luglio 2020.

Latest News