23.7 C
Milano
domenica 3 Luglio 2022

Dynamica Retail diventa fintech nel mercato della cessione del quinto

Milano – Il mercato del credito è in costante evoluzione, spinto soprattutto dai cambiamenti tecnologici dell’ultima decade e dalle nuove modalità di accesso ai servizi che la pandemia ha reso sempre più diffuse. L’applicazione degli strumenti digitali e delle tecnologie innovative al settore finanziario prende il nome di fintech, che, ad oggi, è la nuova frontiera del settore creditizio. Ci sono molte aziende che si stanno muovendo in questa direzione perché già ne hanno compreso le potenzialità. Tra di queste va sicuramente annoverata Dynamica Retail, intermediario finanziario che lavora nel settore della cessione del quinto che ha da sempre investito in procedure e tecnologie digitali.

L’ultima iniziativa dell’istituto finanziario, che lo ha radicalmente trasformato in una vera e propria azienda fintech, è il lancio sul mercato della nuova Area Clienti, tramite la quale è possibile concludere un finanziamento al 100% online e in autonomia. Attraverso una procedura guidata composta da 4 semplici step, è possibile produrre la documentazione necessaria all’Istruttoria della pratica e richiedere la Delibera del finanziamento. Anche la firma dei contratti potrà essere gestita da remoto attraverso l’integrazione con lo SPID o grazie ad un sistema di video riconoscimento finalizzato al rilascio di un certificato di firma e del conseguente codice OTP che sostituisce la firma autografa.

L’utente avrà sempre la possibilità di accedere ad un’assistenza che non sarà costituita da un semplice help desk ma che vedrà un vero e proprio Consulente specializzato in cessione del quinto rispondere a tutti i dubbi dell’utente, che siano tecnici sul funzionamento della piattaforma o più generici sulla cessione del quinto. Dynamica Retail va quindi incontro alla crescente richiesta di servizi digitali in ambito fintech caratterizzati da un vero e proprio boom di mercato da almeno un paio di anni. Anche a causa della recente emergenza sanitaria infatti sono aumentati esponenzialmente i clienti di aziende che hanno digitalizzato i propri processi produttivi e distributivi. Queste nuove modalità di accesso ai servizi in Italia stanno gradualmente prendendo piede e saranno sempre più diffuse nei prossimi anni.

I numeri parlano infatti chiaro e descrivono come il 51% della popolazione italiana utilizzi attivamente servizi fintech, percentuale che, primi in Europa, schizza all’87% se consideriamo la cosiddetta popolazione digitale (costituita da soli utilizzatori di internet durante gli ultimi 30 giorni) a dimostrazione di come il mercato sia assolutamente maturo e molto orientato alla fruizione di servizi finanziari in totale autonomia attraverso piattaforme digitali.

Latest News