7.9 C
Milano
lunedì 5 Dicembre 2022

Dopo Enel e Wind Tre, anche Edison respinge addebiti Antitrust

Milano – L’Antitrust ha stabilito una sanzione di 3,8 milioni a Edison Energia per pratiche commerciali scorrette. Lo si legge nel bollettino settimanale dell’Authority. Il procedimento – si legge – è in relazione “all’attività di promozione e vendita di servizi di fornitura di energia e gas erogati sul mercato libero, con riferimento alla mancanza di trasparenza e completezza delle condizioni economiche di fornitura rappresentate sul proprio sito web https://www.edisonenergia.it e attraverso altri canali di diffusione pubblicitaria, con specifico riferimento alla esistenza e quantificazione dei costi applicabili all’utenza, quali in particolare gli oneri di commercializzazione e il sistema di scontistica e vantaggi economici”.

Con riferimento alla sanzione dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, in merito alla condotta posta in essere da Edison Energia per la promozione delle proprie offerte commerciali, la Società ribadisce di aver “sempre adottato una comunicazione trasparente e completa su tutti i canali e i materiali pubblicitari utilizzati nel pieno rispetto dei diritti dei consumatori”. A loro – spiega Edison in una nota – “è stata garantita un’informazione chiara ed esaustiva sulle caratteristiche di ciascuna promozione e, in particolare, sui relativi costi e vantaggi economici, nonché sulle modalità e condizioni di applicazione di bonus e sconti previsti a loro favore”.

La Società “ritiene che il provvedimento dell’Autorità muova contestazioni di natura esclusivamente ‘formale’ ai messaggi circolati sui canali marketing di Edison Energia, senza fornire alcuna valutazione e relativa motivazione circa la presunta lesione dei diritti dei consumatori”. Pertanto, “Edison Energia respinge la responsabilità che le viene imputata e si riserva ogni azione a propria tutela, confidando di poter dimostrare la propria estraneità ai fatti contestati dinnanzi alle autorità competenti”. Dopo il caso Enel, viene multata per 5 milioni anche Wind Tre: per aver attivato – secondo l’autorità – un servizio aggiuntivo a pagamento non rischesto dai clienti possessori di sim ‘voce e internet’.

Latest News