21.3 C
Milano
sabato 28 Maggio 2022

Deutsche Bank e Bdi, recessione inevitabile con stop a gas russo

Berlino – La Germania dovrebbe affrontare “un ulteriore deterioramento della situazione se ci fosse uno stop alle importazioni o alle consegne di petrolio e gas naturale russi” e “una recessione sarebbe presumibilmente inevitabile”. Lo ha detto Christian Sewing, CEO di Deutsche Bank e presidente dell’associazione bancaria tedesca. “Se si dovesse arrivare a un embargo sulle importazioni allora potremmo parlare di un’inflazione che è almeno temporaneamente a due cifre – ha sottolineato nel corso di una conferenza stampa – Ma avremo permanentemente un fenomeno che tutti non abbiamo visto negli ultimi 30 anni e questa è l’inflazione a lungo termine”.

“Tassi di inflazione elevati hanno enormi effetti redistributivi e mettono a dura prova le persone a basso reddito – ha evidenziato Sewing – Sono quindi veleno per la stabilità della nostra economia e anche della nostra società. C’è molto per suggerire che la Banca centrale europea dovrà presto porre fine ai suoi acquisti netti di obbligazioni e inviare il primo segnale sul tasso di interesse”. Come risultato della guerra contro l’Ucraina, la necessità di investimenti in Germania ed Europa continuerà ad aumentare nei prossimi anni, specialmente nella trasformazione verso un’economia sostenibile e per diventare meno dipendenti dai combustibili fossili. Anche per questo, secondo Sewing, devono essere mobilitati capitali privati. Affinché ciò abbia successo, l’Europa ha finalmente bisogno di un vero mercato finanziario unico. “Non esiste un pacchetto di stimolo più conveniente rispetto alla Banking and Capital Markets Union – ha affermato Sewing – Ad oggi, un mercato europeo dei capitali frammentato impedisce il pieno sfruttamento delle opzioni di finanziamento. Questo blocco deve essere revocato”.

Infine, nel suo intervento come presidente dell’associazione bancaria tedesca, ha detto che negli ultimi anni le banche tedesche hanno ridotto significativamente la loro esposizione alla Russia e che i loro rischi sono gestibili e le loro riserve di capitale più elevate che mai. Allo stesso tempo, l’associazione bancaria è critica nei confronti di ulteriori contributi al Fondo di risoluzione europeo, che è già riempito con 52 miliardi di euro e l’aumento della cosiddetta riserva di capitale anticiclica. “Tutto ciò limita la capacità delle banche di prestare. E questo in un momento in cui le banche sono particolarmente richieste come finanziatrici di investimenti”, ha affermato Sewing.

Le prospettive dell’economia della Germania appaiono “molto cupe” anche al presidente della Federazione dell’industria tedesca (Bdi), Siegfried Russwurm, a causa della guerra mossa dalla Russia contro l’Ucraina, dell’aumento dell’inflazione, del rincaro dell’energia, delle strozzature nelle catene di approvvigionamento e dell’incertezza. Inoltre, il miglioramento della situazione del Covid-19 non sta sostenendo la ripresa, diversamente da quanto auspicato. Come riferisce il quotidiano “Handelsblatt”, per il Bdi è prevedibile che le conseguenze del conflitto in Ucraina rallenteranno la crescita economica mondiale e la ripresa nell’Eurozona. Inoltre, è probabile che la mancata crescita globale e le sanzioni contro la Russia per la guerra in Ucraina rallentino le esportazioni, “motore” dell’economia tedesca. Allo stesso tempo, nel 2022, dovrebbero ristagnare gli investimenti delle imprese della Germania in capitale fisico.

Secondo il Bdi, “non è chiaro se e in che misura l’incertezza influenzerà anche le decisioni di acquisto delle famiglie”. Tuttavia, il netto aumento dei prezzi dell’energia, che sta alimentando l’inflazione, ha già causato una notevole perdita di potere d’acquisto. Secondo il Bdi, nel corso di quest’anno, la spesa per i consumi privati sperimenterà quindi soltanto un lieve incremento. Pertanto, Russwurm chiede al governo federale di “preservare le forze economiche della Germania e delle sue aziende”, nonché di lavorare su provvedimenti “rapidi, efficaci, mirati e temporanei per attutire la crisi”. Per esempio, l’esecutivo tedesco dovrebbe preparare “aiuti limitati nel tempo” per le imprese che, a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia, sono “entrate in difficoltà economiche non per propria colpa”.

Nonostante questo, la Germania deve “terminare al più presto possibile tutti i rapporti economici con la Russia” ha dichiarato dal ministro delle Finanze tedesco, Christian Lindner, a margine della riunione dell’Eurogruppo in corso oggi a Lussemburgo. Lindner ha aggiunto che, “in particolare”, la Germania vuole rendersi indipendente dalle importazioni di energia dalla Russia, “senza danneggiarsi”. In questo modo, ha evidenziato il ministro delle Finanze tedesco, “aumenterà la pressione” sul presidente russo, Vladimir Putin.

Latest News