30.9 C
Milano
lunedì 8 Agosto 2022

Crypto, Kim Kardashian e Floyd Mayweather citati in giudizio per promozione del token EthereumMax

Kim Kardashian e Floyd Mayweather sono stati citati in giudizio per le accuse di aver fuorviato gli investitori promuovendo una criptovaluta poco conosciuta chiamata EthereumMax ai loro milioni di follower sui social media.

Un’azione legale collettiva presentata venerdì scorso presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto centrale della California accusa EthereumMax e le sue celebrità promotrici di collaborare per gonfiare artificialmente il prezzo del token facendo “dichiarazioni false o fuorvianti” nei post sui social media. Secondo le autorità si tratterebbe di una truffa pump and dump, una tipologia di frode che consiste nel far lievitare artificialmente il prezzo di un’azione a bassa capitalizzazione con l’obiettivo finale di vendere titoli azionari acquistati a buon mercato ad un prezzo superiore.

Kardashian avrebbe suscitato scalpore l’anno scorso quando ha pubblicato un post su Instagram per promuovere il token EthereumMax. “Vi piacciono le criptovalute????” ha scritto Kardashian. “Non si tratta di un consiglio finanziario, ma di condividere ciò che i miei amici mi hanno appena detto sul token Ethereum Max!” Come riporta la CNBC, Kardashian avrebbe incluso l’hashtag #ad nel messaggio, suggerendo di essere stata pagata per promuoverlo. Non è chiaro quanto Kardashian sia stata pagata da EthereumMax, anche se le stime hanno collocato la sua tariffa per post sponsorizzato su Instagram tra $ 500.000 e $ 1 milione.

Mayweather, ex pugile olimpionico, si è già scontrato con le autorità di regolamentazione per la promozione degli investimenti in criptovaluta. È stato multato dalla Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti nel 2018 per aver propagandato offerte iniziali di monete sui social media senza rivelare di essere stato pagato per farlo. I rappresentanti di Kardashian e Mayweather non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento. Non è stato possibile raggiungere Pierce per un commento.

Anche EthereumMax, la società, è stata nominata nella causa. “La narrativa ingannevole associata alle recenti accuse è piena di disinformazione sul progetto EthereumMax”, ha affermato EthereumMax in una nota. “Disputiamo le accuse e non vediamo l’ora che venga fuori la verità”.

Latest News