13.8 C
Milano
giovedì, Ottobre 21, 2021

Crypto, dopo lo stop della Cina ora l’industria si sposta a Singapore

Ormai considerata fuorilegge dalla Cina, duramente repressa in Corea del Sud e stretta a nuove restrizioni a Hong Kong, l’industria delle criptovalute sembra aver visto Singapore come una possibile meta alternativa asiatica.

La nazione, che conta 5,5 milioni di persone, ha sempre fatto affidamento su società finanziarie per sostenere il suo sistema finanziario da 344 miliardi di dollari, ed è ora impegnata in una corsa sempre più intensa con Hong Kong e Tokyo per la corona di hub monetario mondiale in Asia.

Il suo abbraccio al settore si è esteso grazie all’ausilio delle fintech che cercano di interrompere il sistema bancario convenzionale. In una nazione socialmente conservatrice, le autorità non hanno semplicemente esaltato i potenziali vantaggi delle criptovalute, ma l’hanno supportato con la legislazione.

Secondo quanto riporta il Financial Times, da gennaio 2020, le società di criptovalute sono state in grado di richiedere licenze di lavoro ai sensi del Fee Providers Act, un regolamento che regola le società che si occupano di fondi digitali e l’acquisto e la vendita di token equivalenti a bitcoin.

Sotto la ricettività, tuttavia, sembra esserci una mera strategia politica: aprire le porte di Singapore al fiorente business delle criptovalute potrebbe dimostrarsi un’arma vincente per diventare il centro monetario dominante non solo in Asia, ma anche a livello globale.

“Singapore bilancia l’essere straordinariamente conservatore dal punto di vista sociale con l’audacia nei mercati dei capitali”, ha affermato Haseeb Qureshi, amministratore delegato di Dragonfly Capital, un fondo di venture capital mondiale focalizzato sulle criptovalute con una presenza a Singapore. “Devono sottolineare che sono aperti all’innovazione, piacevoli per le imprese e per le persone che corrono rischi finanziari”, ha affermato.

A differenza del Congresso degli Stati Uniti, le autorità di Singapore hanno assunto una funzione guida nell’implementare l’industria delle criptovalute. Oltre a Binance, alcuni dei più grandi exchange di criptovalute del mondo, insieme a Gemini, Coinbase e Crypto.com, hanno tutti avuto accesso a licenze per poter essere operativi.

L’incoraggiamento dell’attività da parte delle autorità – e la sua regolamentazione – offre le necessarie salvaguardie, ha affermato Sander Laugs, capo degli acquirenti istituzionali presso l’istituto finanziario svizzero Seba, che sta aumentando la sua presenza a Singapore.

Quasi il 20% delle funzioni è stato ritirato o rifiutato dal MAS, autorità monetaria di Singapore, per non aver soddisfatto i suoi requisiti sui controlli sul riciclaggio di denaro contante, sul finanziamento del terrorismo o sui pericoli del know-how. “Le aziende che non hanno requisiti stabiliti, con ogni probabilità avranno difficoltà ad acquisire licenze o ad essere in grado di svolgere attività”, ha affermato Laugs.

Latest News

Web TV