21.2 C
Milano
martedì, Settembre 21, 2021

Congresso Usa mette nel mirino Apple e Google per app store

Un membro repubblicano e uno democratico della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti hanno presentato un disegno di legge volto a frenare i potenti app store gestiti da aziende come Apple Inc e Google di Alphabet Inc.

Il disegno di legge è complementare a una misura introdotta questa settimana da un trio bipartisan di senatori: gli app store non potranno più condizionare la distribuzione di una app nei loro negozi sull’utilizzo o no da parte degli sviluppatori dei loro sistemi di pagamento in-app. La proposta, nota come “Open App Markets Act“, mira a rendere più aperte aziende come Apple e Google, offrendo modalità di pagamento alternative per gli acquisti in-app e offrire il cosiddetto “sideloading”, ovvero la possibilità di caricare app e fare acquisti in-app al di fuori dello store ufficiale.

Il rappresentante repubblicano Ken Buck, all’interno del pannello antitrust della commissione giudiziaria della Camera, ha introdotto la misura insieme al rappresentante democratico Hank Johnson, un democratico.

“Per troppo tempo, aziende come Google e Apple hanno avuto una stretta sugli sviluppatori di app che sono costretti a prendere qualsiasi termine stabilito da questi monopolisti per raggiungere i propri clienti”, ha detto Buck in una dichiarazione.

I consumatori statunitensi hanno speso quasi 33 miliardi di dollari l’anno scorso negli app store mobili e scaricato 13,4 miliardi di app, ha affermato l’ufficio di Buck in una nota.

Apple ha precedentemente difeso il suo app store come “un motore senza precedenti di crescita economica e innovazione, che ora supporta oltre 2,1 milioni di posti di lavoro in tutti i 50 stati”.

La posta in gioco è alta per Apple, il cui App Store àncora la sua attività di servizi da 53,8 miliardi di dollari con la maturazione del mercato degli smartphone.

Google ha affermato che i telefoni Android hanno spesso due o più app store precaricati.

La Commissione Giustizia della Camera ha approvato sei misure antitrust a giugno, la maggior parte delle quali mirava a intrappolare i giganti della tecnologia Google, Amazon, Apple e Facebook.

Un membro repubblicano e uno democratico della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti hanno presentato un disegno di legge volto a frenare i potenti app store gestiti da aziende come Apple Inc e Google di Alphabet Inc.

Il disegno di legge è complementare a una misura introdotta questa settimana da un trio bipartisan di senatori: gli app store non potranno più condizionare la distribuzione di una app nei loro negozi sull’utilizzo o no da parte degli sviluppatori dei loro sistemi di pagamento in-app. La proposta, nota come “Open App Markets Act“, mira a rendere più aperte aziende come Apple e Google, offrendo modalità di pagamento alternative per gli acquisti in-app e offrire il cosiddetto “sideloading”, ovvero la possibilità di caricare app e fare acquisti in-app al di fuori dello store ufficiale.

Il rappresentante repubblicano Ken Buck, all’interno del pannello antitrust della commissione giudiziaria della Camera, ha introdotto la misura insieme al rappresentante democratico Hank Johnson, un democratico.

“Per troppo tempo, aziende come Google e Apple hanno avuto una stretta sugli sviluppatori di app che sono costretti a prendere qualsiasi termine stabilito da questi monopolisti per raggiungere i propri clienti”, ha detto Buck in una dichiarazione.

I consumatori statunitensi hanno speso quasi 33 miliardi di dollari l’anno scorso negli app store mobili e scaricato 13,4 miliardi di app, ha affermato l’ufficio di Buck in una nota.

Apple ha precedentemente difeso il suo app store come “un motore senza precedenti di crescita economica e innovazione, che ora supporta oltre 2,1 milioni di posti di lavoro in tutti i 50 stati”.

La posta in gioco è alta per Apple, il cui App Store àncora la sua attività di servizi da 53,8 miliardi di dollari con la maturazione del mercato degli smartphone.

Google ha affermato che i telefoni Android hanno spesso due o più app store precaricati.

La Commissione Giustizia della Camera ha approvato sei misure antitrust a giugno, la maggior parte delle quali mirava a intrappolare i giganti della tecnologia Google, Amazon, Apple e Facebook.

Latest News

I più letti