21.3 C
Milano
sabato 28 Maggio 2022

Commercialisti, disco verde ai nuovi codici Ateco da aprile

Roma – “Con l’aggiornamento Istat 2022 della classificazione delle attività economiche Ateco 2007, sono state riorganizzate – anche su sollecitazione del Consiglio nazionale dei commercialisti – le sottocategorie all’interno della categoria Ateco 69.20.1 – Attività degli studi commerciali, tributari e revisione contabile. In particolare, è stato modificato il contenuto del codice Ateco 69.20.11, già riservato ai “servizi forniti da dottori commercialisti”, che ora è invece dedicato ai “servizi forniti da commercialisti”, includendovi pertanto tutti gli iscritti nella sezione “A” dell’Albo unico e quindi anche i ragionieri commercialisti, ai quali era precedentemente destinato il codice Ateco 69.20.12 (già “servizi forniti da ragionieri e periti commerciali”)”.

Lo si legge in una nota, in cui si riferisce che “il contenuto del codice Ateco 69.20.12 è stato, conseguentemente, anch’esso modificato, per cui ora accoglie i “servizi forniti da esperti contabili”, ossia da soggetti iscritti nella sezione “B” dell’Albo unico dei dottori commercialisti e degli esperti contabili”. La novità è stata comunicata con un’informativa ai presidenti degli Ordini territoriali dei commercialisti firmata dai tre commissari straordinari del Consiglio nazionale della categoria, Rosario Giorgio Costa, Paolo Giugliano e Maria Rachele Vigani. La nuova classificazione delle attività economiche, si legge, “è stata predisposta per la produzione e la divulgazione di dati statistici a partire dal 1° gennaio 2022.

Tuttavia, poiché essa viene utilizzata da parte delle Pubbliche amministrazioni anche per finalità amministrative, per consentire la sua implementazione operativa tale nuova classificazione sarà adottata a partire dal 1° aprile 2022″. Nell’informativa si spiega che i soggetti che a seguito dell’introduzione di un nuovo codice attività, della suddivisione di un codice preesistente e della modifica della descrizione del codice risultano interessati da un nuovo codice Ateco relativo all’attività da loro esercitata dovranno, a partire dal mese di aprile 2022, presentare all’Agenzia delle Entrate una dichiarazione di variazione dati Iva, per modificare il proprio codice Ateco 2007 nell’Archivio anagrafico. In sede di compilazione dei modelli dichiarativi (Redditi, Iva, Isa, etc), va avanti la nota dei professionisti, da presentare a decorrere dal 1° aprile 2022 (dopo la variazione dati presentata alle Entrate), si dovrà, poi, indicare il nuovo codice attività.

Latest News