17.4 C
Milano
venerdì 7 Ottobre 2022

Coinbase si espande in Italia, l’Ue pensa alla blockchain anti evasione

Milano – Coinbase, piattaforma online per l’acquisto, la vendita e il trasferimento di criptovalute, intende rafforzare la propria presenza in Europa. “Durante le flessioni del mercato, la tentazione può essere quella di evitare l’espansione internazionale – comunica la società statunitense – Siamo entrati per la prima volta nel Regno Unito e nell’UE durante il mercato ribassista nel 2015, una mossa che ha dato i suoi frutti in modo significativo durante la corsa al rialzo degli anni successivi”.

“Siamo già sul campo nel Regno Unito, in Irlanda e in Germania. Inoltre, siamo in procinto di espanderci in Francia, Italia, Spagna e Paesi Bassi. In tutti questi mercati, il nostro obiettivo è lanciare la suite Coinbase di prodotti retail, istituzionali e per sviluppatori”, si legge nella nota firmata da Nana Murugesan, VP Business Development and International, e Tom Duff Gordon, VP International Policy. Nonostante i piani di espansione di internazionale, il periodo non è facile per l’azienda guidata da Brian Armstrong. A giugno Coinbase ha tagliato 1.100 posti di lavoro, pari a circa il 18% della sua forza lavoro.

L’Ue non sta alla finestra del criptobusiness, e dal canto suo intende regolamentarlo. Usare la blockchain per combattere l’evasione fiscale, ad esempio, è possibile per il Parlamento europeo, ma serve un regolamento che ne migliori l’utilizzo. La recente richiesta degli eurodeputati è che vi sia una tassazione equa, trasparente ed efficace per le criptovalute, ed invitano le autorità degli Stati membri a prendere in considerazione un trattamento fiscale semplificato per i piccoli operatori economici e le piccole transazioni. Così si arriverebbe anche ad avere un maggior coordinamento tra Stati membri.

Latest News