20.7 C
Milano
mercoledì 4 Agosto 2021

Citigroup, utile vola sopra le stime: 6,2 mld $. Ricavi -12%

I più letti

Citigroup Inc. ha riportato oggi i risultati del secondo trimestre un utile netto per il secondo trimestre 2021 di $ 6,2 miliardi, o $ 2,85 per azione diluita su ricavi di $ 17,5 miliardi, aumentato in modo significativo rispetto al periodo dell’anno precedente ($ 1,1 miliardi, o $ 0,38 per azione diluita, su ricavi di $ 19,8 miliardi per il secondo trimestre 2020), riflettendo principalmente la normalizzazione dell’attività di mercato in Fixed Income Markets all’interno dell’Institutional Clients Group (ICG), insieme a prestiti medi più bassi nel Global Consumer Banking (GCB), nonché l’impatto di tassi di interesse più bassi.

L’utile netto di $ 6,2 miliardi è guidato dal minor costo del credito. Anche l’utile per azione di $ 2,85 è aumentato in modo significativo rispetto al periodo dell’anno precedente, riflettendo la crescita dell’utile netto e un leggero calo delle azioni in circolazione.

I ricavi di Citigroup di 17,5 miliardi di dollari nel secondo trimestre 2021 sono diminuiti del 12%, principalmente trainati dal mercato normalizzazione nei mercati del reddito fisso all’interno di ICG e prestiti con carte medi inferiori in GCB. Le spese operative di Citigroup di 11,2 miliardi di dollari nel secondo trimestre 2021 sono aumentate del 7% su base riportata.

L’aliquota fiscale effettiva di Citigroup è stata del 16% nel trimestre in corso rispetto al 5% nel 3 secondo trimestre 2020. L’attuale aliquota fiscale del trimestre riflette alcuni elementi di agevolazione fiscale relativi alle operazioni non statunitensi. Il periodo dell’anno precedente rifletteva un maggiore impatto relativo degli investimenti con agevolazioni fiscali e di altri elementi di agevolazione fiscale su un livello inferiore di reddito ante imposte.

Jane Fraser, ceo di Citi, ha dichiarato: “Il ritmo della ripresa globale sta superando le aspettative precedenti e con esso la fiducia dei consumatori e delle aziende sta aumentando. Lo abbiamo riscontrato in tutte le nostre attività, come si riflette nella nostra performance in Investment Banking e Azioni, nonché in un marcato aumento della spesa per le nostre carte di credito. Anche se dobbiamo essere consapevoli delle irregolarità della ripresa a livello globale, siamo ottimisti sullo slancio futuro”.

Durante la prima metà dell’anno, “abbiamo restituito quasi 7 miliardi di dollari di capitale ai nostri azionisti, il massimo consentito dalla Federal Reserve. Abbiamo chiuso il trimestre con un Common Equity Tier One ratio dell’11,9% e intendiamo continuare a restituire il nostro capitale in eccesso, al di là dell’importo necessario per effettuare investimenti strategici. Stiamo facendo progressi nell’aggiornamento della nostra strategia nelle nostre attività consumer e istituzionali. Il nostro obiettivo principale è aumentare i rendimenti che generiamo e colmare il divario con i nostri colleghi. Abbiamo deciso di modernizzare la nostra banca e vogliamo ottenere niente di meno che l’eccellenza nel nostro ambiente di controllo e rischio, le nostre operazioni e il nostro servizio ai clienti”, ha concluso Fraser.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome

spot_img

Latest News