22.4 C
Milano
lunedì, Settembre 20, 2021

Cina, crollo azioni dei casinò USA a Macao. Titoli fino a -34%

Ieri le azioni dei casinò statunitensi che operano a Macao sono crollate con Wynn Macau che ha guidato il crollo, scendendo fino al 34% a un minimo record, seguito da un crollo del 28% per Sands China. Anche Peer MGM China, Galaxy Entertainment, SJM e Melco Entertainment sono tutti precipitati, portando il calo a 109 miliardi di HK (14 miliardi di dollari).

Il motivo di questo crollo risiede nelle affermazioni delle autorità sanitarie cinesi sulle nuove infezioni da COVID-19, le quali sono più che raddoppiate nella provincia sudorientale del Fujian, spingendo i funzionari a implementare misure che includono restrizioni di viaggio per fermare la diffusione del virus. Si spera che il Fujian sia transitorio. La supervisione continua gli sforzi in corso e non dovrebbe sorprendere”, ha affermato l’analista di Morningstar Dan Wasiolek. Ma ha notato che “nell’attuale contesto in cui la Cina sta aumentando la supervisione sulle società tecnologiche, gli investitori a Macao oggi sono un po’ nervosi”.

Inoltre, il governo di Macao ha dichiarato che sta dando il via a una consultazione pubblica di 45 giorni per esaminare l’industria del gioco, comprese questioni come il numero e la durata delle licenze dei casinò, nonché i requisiti di supervisione. Pechino si sta mostrando sempre più diffidente nei confronti dell’acuta dipendenza di Macao dal gioco d’azzardo e non ha ancora indicato come verrà giudicata la procedura per il rinnovo della licenza.

Con le lucrative licenze dei casinò di Macao in attesa di una nuova offerta il prossimo anno, una proposta del governo di rivedere la legge sul gioco della città ha spaventato un mercato di Hong Kong già colpito duramente in rosso da un’ampia repressione normativa di Pechino, in tutti i settori dalla tecnologia all’istruzione e alla proprietà, che ha affettato centinaia di miliardi di dollari di sconto sul valore delle attività.

Ieri le azioni dei casinò statunitensi che operano a Macao sono crollate con Wynn Macau che ha guidato il crollo, scendendo fino al 34% a un minimo record, seguito da un crollo del 28% per Sands China. Anche Peer MGM China, Galaxy Entertainment, SJM e Melco Entertainment sono tutti precipitati, portando il calo a 109 miliardi di HK (14 miliardi di dollari).

Il motivo di questo crollo risiede nelle affermazioni delle autorità sanitarie cinesi sulle nuove infezioni da COVID-19, le quali sono più che raddoppiate nella provincia sudorientale del Fujian, spingendo i funzionari a implementare misure che includono restrizioni di viaggio per fermare la diffusione del virus. Si spera che il Fujian sia transitorio. La supervisione continua gli sforzi in corso e non dovrebbe sorprendere”, ha affermato l’analista di Morningstar Dan Wasiolek. Ma ha notato che “nell’attuale contesto in cui la Cina sta aumentando la supervisione sulle società tecnologiche, gli investitori a Macao oggi sono un po’ nervosi”.

Inoltre, il governo di Macao ha dichiarato che sta dando il via a una consultazione pubblica di 45 giorni per esaminare l’industria del gioco, comprese questioni come il numero e la durata delle licenze dei casinò, nonché i requisiti di supervisione. Pechino si sta mostrando sempre più diffidente nei confronti dell’acuta dipendenza di Macao dal gioco d’azzardo e non ha ancora indicato come verrà giudicata la procedura per il rinnovo della licenza.

Con le lucrative licenze dei casinò di Macao in attesa di una nuova offerta il prossimo anno, una proposta del governo di rivedere la legge sul gioco della città ha spaventato un mercato di Hong Kong già colpito duramente in rosso da un’ampia repressione normativa di Pechino, in tutti i settori dalla tecnologia all’istruzione e alla proprietà, che ha affettato centinaia di miliardi di dollari di sconto sul valore delle attività.

Latest News

I più letti