15.8 C
Milano
martedì, Settembre 21, 2021

Cina, app anti-truffa per monitorare l’accesso degli utenti alle notizie finanziarie

Secondo un’inchiesta del Financial Times, molti cittadini cinesi vengono portati all’ufficio di polizia locale per essere interrogati dopo aver effettuato l’accesso a siti esteri di notizie finanziarie, tra cui «Bloomberg», a causa di un’app antifrode installata sui loro dispositivi.

L’app sarebbe stata rilasciata a marzo dal Centro nazionale per la prevenzione delle frodi del Ministero della pubblica sicurezza per bloccare le chiamate sospette e segnalare malware. La polizia ha affermato di aver bisogno di combattere l’ondata di frodi spesso perpetrate da imprese straniere controllate da cinesi e taiwanesi.

Il ministero ha raccomandato di scaricare l’app, ma molti governi locali avrebbero imposto l’app per dipendenti, studenti, e altre persone con cui lavorano.

Un utente con sede a Shanghai ha dichiarato al Financial Times di essere stato contattato dalla polizia dopo aver effettuato l’accesso a un servizio di notizie finanziarie statunitensi. Mi è stato anche chiesto se ho contattato all’estero e visitato regolarmente siti web esteri.

Gli utenti che hanno chiesto di non rivelare la propria identità hanno affermato che la polizia sembrava essere profondamente preoccupata per le frodi straniere. “Ma le domande che hanno sollevato sul fatto che avessi contattato gli stranieri mi hanno fatto sentire come se non volessero che visitassi siti Web stranieri”, ha aggiunto. “Ho eliminato l’app dopo la riunione.”

Un secondo utente ha detto che la polizia lo ha chiamato per quattro giorni consecutivi dopo aver dimostrato che l’app aveva visitato siti di informazioni stranieri “molto pericolosi”, tra cui Bloomberg.

Come natuale conseguenza, l’app ha generato migliaia di reclami online relativi alla privacy da parte di persone che hanno affermato di doverla scaricare per affittare un appartamento o iscrivere i propri figli a scuola.

Secondo un’inchiesta del Financial Times, molti cittadini cinesi vengono portati all’ufficio di polizia locale per essere interrogati dopo aver effettuato l’accesso a siti esteri di notizie finanziarie, tra cui «Bloomberg», a causa di un’app antifrode installata sui loro dispositivi.

L’app sarebbe stata rilasciata a marzo dal Centro nazionale per la prevenzione delle frodi del Ministero della pubblica sicurezza per bloccare le chiamate sospette e segnalare malware. La polizia ha affermato di aver bisogno di combattere l’ondata di frodi spesso perpetrate da imprese straniere controllate da cinesi e taiwanesi.

Il ministero ha raccomandato di scaricare l’app, ma molti governi locali avrebbero imposto l’app per dipendenti, studenti, e altre persone con cui lavorano.

Un utente con sede a Shanghai ha dichiarato al Financial Times di essere stato contattato dalla polizia dopo aver effettuato l’accesso a un servizio di notizie finanziarie statunitensi. Mi è stato anche chiesto se ho contattato all’estero e visitato regolarmente siti web esteri.

Gli utenti che hanno chiesto di non rivelare la propria identità hanno affermato che la polizia sembrava essere profondamente preoccupata per le frodi straniere. “Ma le domande che hanno sollevato sul fatto che avessi contattato gli stranieri mi hanno fatto sentire come se non volessero che visitassi siti Web stranieri”, ha aggiunto. “Ho eliminato l’app dopo la riunione.”

Un secondo utente ha detto che la polizia lo ha chiamato per quattro giorni consecutivi dopo aver dimostrato che l’app aveva visitato siti di informazioni stranieri “molto pericolosi”, tra cui Bloomberg.

Come natuale conseguenza, l’app ha generato migliaia di reclami online relativi alla privacy da parte di persone che hanno affermato di doverla scaricare per affittare un appartamento o iscrivere i propri figli a scuola.

Latest News

I più letti