22.4 C
Milano
lunedì, Settembre 20, 2021

Brunello Cucinelli, ricavi in crescita del +7,7% a 313,8 mln di euro

Il Consiglio di Amministrazione di Brunello Cucinelli S.p.A ha approvato nella giornata di ieri la Relazione Finanziaria Semestrale 2021.

Nel primo semestre 2021 si è scelto di preservare la solidità della struttura aziendale, confermando tutte le attività e gli investimenti pianificati prima dell’inizio della pandemia, con l’obiettivo di riallineare pienamente già nel 2023 agli obiettivi del primo quinquennio (2019-2013) del piano decennale 2019-2028.

I ricavi netti sono stati pari a 313,8 milioni di euro, con una crescita del +7,7% a cambi correnti (+10,0% a cambi costanti) rispetto al 30 giugno 2019 e del +52,9% a cambi correnti (+57,7% a cambi costanti) rispetto al 30 giugno 2020.

Il secondo trimestre del 2021 ha riportato vendite pari a 149,2 milioni di euro, con una crescita del +13,8% rispetto al pari periodo del 2019.

Al 30 giugno 202021, l’EBITDA è pari a 80,6 milioni di euro (incidenza del 25,7%) rispetto ai -3,4 milioni di euro dello scorso anno e ai 79,2 milioni di euro al 30 giugno 2019; EBITDA escluso impatti IFRS 16 pari a 39,9 milioni di euro (incidenza del 12,7%) rispetto a -14,1 milioni di euro al 30 giugno 2020 1 e ai 49,9 milioni di euro al 30 giugno 2019; EBIT pari a 25,3 milioni di euro (incidenza dell’8,1%), rispetto a -53,3 milioni di euro al 30 giugno 2020 e ai 39,1 milioni di euro al 30 giugno 2019.

La maison italiana operante nel settore dei beni di lusso ha generato un utile netto pari a 21,9 milioni di euro (incidenza del 7,0%), rispetto a una perdita di -47,7 milioni di euro nel primo semestre 2020 e a un utile di 25,0 milioni di euro nel primo semestre 2019.

“Il primo semestre 2021 si è chiuso con dei risultati molto, molto interessanti. Le vendite delle collezioni Autunno Inverno 2021 sono partite davvero molto bene, ci pare che il brand stia raccogliendo ampi consensi sia nella sua espressione stilistica che nella maniera di rapportarsi con il territorio e con l’umanità tutta” ha commentato Brunello Cucinelli, presidente esecutivo e direttore creativo della Società, e ha aggiunto: “Tutto questo ci induce ad immaginare per l’anno in corso una forte crescita del fatturato intorno al 20% ed a considerare questo tempo una sorta di anno del riequilibrio e per il 2022 ci attendiamo un ritorno ad una sana crescita del 10%”.

Il Consiglio di Amministrazione di Brunello Cucinelli S.p.A ha approvato nella giornata di ieri la Relazione Finanziaria Semestrale 2021.

Nel primo semestre 2021 si è scelto di preservare la solidità della struttura aziendale, confermando tutte le attività e gli investimenti pianificati prima dell’inizio della pandemia, con l’obiettivo di riallineare pienamente già nel 2023 agli obiettivi del primo quinquennio (2019-2013) del piano decennale 2019-2028.

I ricavi netti sono stati pari a 313,8 milioni di euro, con una crescita del +7,7% a cambi correnti (+10,0% a cambi costanti) rispetto al 30 giugno 2019 e del +52,9% a cambi correnti (+57,7% a cambi costanti) rispetto al 30 giugno 2020.

Il secondo trimestre del 2021 ha riportato vendite pari a 149,2 milioni di euro, con una crescita del +13,8% rispetto al pari periodo del 2019.

Al 30 giugno 202021, l’EBITDA è pari a 80,6 milioni di euro (incidenza del 25,7%) rispetto ai -3,4 milioni di euro dello scorso anno e ai 79,2 milioni di euro al 30 giugno 2019; EBITDA escluso impatti IFRS 16 pari a 39,9 milioni di euro (incidenza del 12,7%) rispetto a -14,1 milioni di euro al 30 giugno 2020 1 e ai 49,9 milioni di euro al 30 giugno 2019; EBIT pari a 25,3 milioni di euro (incidenza dell’8,1%), rispetto a -53,3 milioni di euro al 30 giugno 2020 e ai 39,1 milioni di euro al 30 giugno 2019.

La maison italiana operante nel settore dei beni di lusso ha generato un utile netto pari a 21,9 milioni di euro (incidenza del 7,0%), rispetto a una perdita di -47,7 milioni di euro nel primo semestre 2020 e a un utile di 25,0 milioni di euro nel primo semestre 2019.

“Il primo semestre 2021 si è chiuso con dei risultati molto, molto interessanti. Le vendite delle collezioni Autunno Inverno 2021 sono partite davvero molto bene, ci pare che il brand stia raccogliendo ampi consensi sia nella sua espressione stilistica che nella maniera di rapportarsi con il territorio e con l’umanità tutta” ha commentato Brunello Cucinelli, presidente esecutivo e direttore creativo della Società, e ha aggiunto: “Tutto questo ci induce ad immaginare per l’anno in corso una forte crescita del fatturato intorno al 20% ed a considerare questo tempo una sorta di anno del riequilibrio e per il 2022 ci attendiamo un ritorno ad una sana crescita del 10%”.

Latest News

I più letti