23.1 C
Milano
martedì, Settembre 21, 2021

British Airways, possibile nuova compagnia aerea low cost per l’Europa

British Airways starebbe pianificando di lanciare un nuovo vettore a corto raggio e a basso costo, anche per cercare di competere con Ryanair e EasyJet in un settore che sembra stia riuscendo a riprendersi bene dalla pandemia. A riportare la notizia Cnn.

In una nota al personale riportata per la prima volta dal sito web di viaggi Headforpoints.com, il ceo Sean Doyle ha affermato che British Airways starebbe pianificando una “nuova filiale operativa” da affiancare alla sua esistente operazione a lungo raggio presso l’aeroporto di Londra Gatwick.

Doyle ha aggiunto che la nuova compagnia aerea cercherà di servire rotte a corto raggio “altamente competitive” dal secondo aeroporto di Londra entro l’estate del 2022.

Questo non è il primo tentativo della compagnia aerea globale di lanciare una compagnia aerea focalizzata esclusivamente sui voli a corto raggio verso l’Europa. Go Fly era un vettore low cost fondato da British Airways nel 1998 che operava dall’aeroporto di Stansted di Londra verso varie destinazioni in tutto il continente. Fu acquistata quattro anni dopo da EasyJet, ora la più grande compagnia aerea operante da Gatwick.

Ma potrebbe essere cruciale per IAG dopo che la società ha subito enormi perdite negli ultimi 18 mesi a causa del crollo del traffico durante la pandemia. Con la domanda di passeggeri che rimane bassa, il gruppo ha registrato una perdita ante imposte di 2,3 miliardi di euro (2,7 miliardi di dollari) per la prima metà di quest’anno. British Airways, con sede vicino al suo hub principale all’aeroporto di Heathrow di Londra, ha rappresentato la quota maggiore delle perdite, colpite dalle restrizioni su quelle che erano le sue rotte transatlantiche più redditizie.

La British Airline Pilots Association (BALPA) ha confermato di essere nelle fasi finali delle trattative con British Airways sulla revisione dei salari e delle condizioni per i piloti per la nuova operazione.

Il segretario generale della BALPA, Martin Chalk, ha affermato che il sindacato “accoglie con cautela questa decisione” di riavviare le operazioni a corto raggio di British Airways. Ha detto che la mossa “creerà una serie di nuovi posti di lavoro pilota molto necessari”.

British Airways starebbe pianificando di lanciare un nuovo vettore a corto raggio e a basso costo, anche per cercare di competere con Ryanair e EasyJet in un settore che sembra stia riuscendo a riprendersi bene dalla pandemia. A riportare la notizia Cnn.

In una nota al personale riportata per la prima volta dal sito web di viaggi Headforpoints.com, il ceo Sean Doyle ha affermato che British Airways starebbe pianificando una “nuova filiale operativa” da affiancare alla sua esistente operazione a lungo raggio presso l’aeroporto di Londra Gatwick.

Doyle ha aggiunto che la nuova compagnia aerea cercherà di servire rotte a corto raggio “altamente competitive” dal secondo aeroporto di Londra entro l’estate del 2022.

Questo non è il primo tentativo della compagnia aerea globale di lanciare una compagnia aerea focalizzata esclusivamente sui voli a corto raggio verso l’Europa. Go Fly era un vettore low cost fondato da British Airways nel 1998 che operava dall’aeroporto di Stansted di Londra verso varie destinazioni in tutto il continente. Fu acquistata quattro anni dopo da EasyJet, ora la più grande compagnia aerea operante da Gatwick.

Ma potrebbe essere cruciale per IAG dopo che la società ha subito enormi perdite negli ultimi 18 mesi a causa del crollo del traffico durante la pandemia. Con la domanda di passeggeri che rimane bassa, il gruppo ha registrato una perdita ante imposte di 2,3 miliardi di euro (2,7 miliardi di dollari) per la prima metà di quest’anno. British Airways, con sede vicino al suo hub principale all’aeroporto di Heathrow di Londra, ha rappresentato la quota maggiore delle perdite, colpite dalle restrizioni su quelle che erano le sue rotte transatlantiche più redditizie.

La British Airline Pilots Association (BALPA) ha confermato di essere nelle fasi finali delle trattative con British Airways sulla revisione dei salari e delle condizioni per i piloti per la nuova operazione.

Il segretario generale della BALPA, Martin Chalk, ha affermato che il sindacato “accoglie con cautela questa decisione” di riavviare le operazioni a corto raggio di British Airways. Ha detto che la mossa “creerà una serie di nuovi posti di lavoro pilota molto necessari”.

Latest News

I più letti