5 C
Milano
lunedì 30 Gennaio 2023

Bper Banca studia l’hub dello shipping a Genova

Genva – “L’hub dello shipping è un progetto che stiamo costruendo, al quale diamo molta importanza perché riteniamo che Genova sia centrale per la logistica, soprattutto dal punto di vista portuale”. Così Luigi Zanti, direttore territoriale Liguria di Bper Banca a margine dell’incontro Bilanci d’Acciaio 2022, l’analisi incentrata sul comparto siderurgico del Nord-Ovest, presentata nei giorni scorsi presso la Sede genovese di Bper Banca. “Creare un polo dedicato allo shipping per noi può essere un punto di partenza per dare slancio e forza al tessuto economico della regione – osserva Zanti – in questo momento stiamo studiando i progetti, ma la banca ha già una struttura dedicata allo shipping che è distribuita su diversi centri, ci sarà una centralizzazione su Genova con colleghi che si dedicheranno all’attività commerciale, a quella legale e alla contrattualistica con un pull che, in modo verticale, assecondi le esigenze di questa importante filiera”.

“Siamo in una fase di allineamento, ma le cose sono andate bene – ha poi spiegato, sul contesto generale -. Le difficoltà non sono mancate soprattutto per la clientela che si è recata agli sportelli in modo molto massiccio, ce lo aspettavamo e i colleghi erano stati preparati da tempo e siamo riusciti a dare un servizio che riteniamo soddisfacente. Anche i riscontri della movimentazione, estremamente intensa, ci hanno detto che le cose stanno progressivamente migliorando. Questa è stata una migrazione tra le più complesse perché abbiamo integrato non solo filiali, ma due banche, Carige e Monte Lucca, e una terza banca, la Cesare Ponti che ha mantenuto una legality autonoma, e quindi sono stati integrati tre sistemi operativi in uno”.

“La presenza così capillare di Carige, anche dal punto di vista dimensionale – ha aggiunto – ha imposto un’attenzione particolare, consideriamo che sono ormai 8 mesi che lavoriamo con test accurati per verificare che tutto potesse andare bene. Abbiamo circa 500 risorse dedicate che hanno partecipato all’attività di migrazione, che sono tutt’ora presso le filiali e gli uffici centrali, e che rimarranno fino a gennaio per aiutare la clientela e i colleghi in filiale per andare a regime e considerare conclusa questa operazione. Una nota di plauso al personale di Bper – ha concluso Zanti – che ha messo tanta pazienza e professionalità, garantendo il successo di questa migrazione”.

Latest News