21.2 C
Milano
martedì, Settembre 21, 2021

Borse, listini europei partono in rialzo. Tokyo in lieve calo

Oggi le borse europee hanno l’oro in bocca, con un avvio tutto positivo: (ore 09.40) il Ftse Mib segna un +0,60% a 25508.53, il Cac40 parte con +0,61% a 6765.04, Ibex 35 +0,36% a 8804.00 e Ftse 100 appena sopra la parità +0,44 % a 7137.25). Francoforte, con il Dax in rialzo dello 0,78% a 15676.54 punti insieme ad Amsterdam, in calo dello 0,53% a 764.11 punti.

Nonostante le ottime performance delle trimestrali, sia in Europa sia negli Usa, Sullo sfondo rimane la preoccupazione per la diffusione della variante Delta, che sta facendo temere l’arrivo della quarta ondata.

Timori condivisi anche da Tokyo, dove la situazione è orientata al ribasso fin dall’avvio. L’indice Nikkei dei 225 titoli guida ha quindi chiuso in calo dello 0,21% a 27583.86 punti. Positiva invece Shanghai che assiste a un rialzo dello 0,85% a 3477.2185 punti, e in scia anche Shenzen che sorprende con un +1,72% a 14990.1090 punti e Hang Seng con +0,89% a 26429.07 punti.

L’euro si mostra resiliente nei confronti del dollaro e scambia a 1.1873 (+0,09%), mentre perde un po’ di vigore nei confronti della sterlina, dove scambia a 0,8518 (-0,04%); il dollaro si riprende un po’ con lo yen dove scambia a 109.11 (+0,08%).

Sul fronte delle commodities, il Wti si attesta a 70,23 dollari al barile in calo dello 0,47% e il Brent scende dello 0,26% a quota 72,22 dollari al barile. Mentre l’oro spunta un +0,16% a 1.816 dollari l’oncia. In giornata verranno diffuse le scorte Usa di petrolio.

Lo spread Btp/Bund si posiziona a quota 103 punti base.

A Piazza Affari inizia bene Poste Italiane (+2.56% a 11.41 euro) dopo la pubblicazione delle semestrali che hanno visto un utile netto pari a 773 milioni di euro, in aumento del 41,8% rispetto allo stesso periodo del 2020. Segue a ruota anche Finecobank (+1.81% a 15.185 euro), seguita da Stmicroelectronics (+1.13% a 35.305 euro) e Ferrari (+0.97% a 177.35 euro), che si riprende dopo alcuni giorni di buio.

Parte in fiacca Buzzi Unicem (-0,69% a 21.63 euro), seguito da Nexi (-0,31% a 17.645 euro) e Hera (-0,17% a 3.561 euro).

Oggi le borse europee hanno l’oro in bocca, con un avvio tutto positivo: (ore 09.40) il Ftse Mib segna un +0,60% a 25508.53, il Cac40 parte con +0,61% a 6765.04, Ibex 35 +0,36% a 8804.00 e Ftse 100 appena sopra la parità +0,44 % a 7137.25). Francoforte, con il Dax in rialzo dello 0,78% a 15676.54 punti insieme ad Amsterdam, in calo dello 0,53% a 764.11 punti.

Nonostante le ottime performance delle trimestrali, sia in Europa sia negli Usa, Sullo sfondo rimane la preoccupazione per la diffusione della variante Delta, che sta facendo temere l’arrivo della quarta ondata.

Timori condivisi anche da Tokyo, dove la situazione è orientata al ribasso fin dall’avvio. L’indice Nikkei dei 225 titoli guida ha quindi chiuso in calo dello 0,21% a 27583.86 punti. Positiva invece Shanghai che assiste a un rialzo dello 0,85% a 3477.2185 punti, e in scia anche Shenzen che sorprende con un +1,72% a 14990.1090 punti e Hang Seng con +0,89% a 26429.07 punti.

L’euro si mostra resiliente nei confronti del dollaro e scambia a 1.1873 (+0,09%), mentre perde un po’ di vigore nei confronti della sterlina, dove scambia a 0,8518 (-0,04%); il dollaro si riprende un po’ con lo yen dove scambia a 109.11 (+0,08%).

Sul fronte delle commodities, il Wti si attesta a 70,23 dollari al barile in calo dello 0,47% e il Brent scende dello 0,26% a quota 72,22 dollari al barile. Mentre l’oro spunta un +0,16% a 1.816 dollari l’oncia. In giornata verranno diffuse le scorte Usa di petrolio.

Lo spread Btp/Bund si posiziona a quota 103 punti base.

A Piazza Affari inizia bene Poste Italiane (+2.56% a 11.41 euro) dopo la pubblicazione delle semestrali che hanno visto un utile netto pari a 773 milioni di euro, in aumento del 41,8% rispetto allo stesso periodo del 2020. Segue a ruota anche Finecobank (+1.81% a 15.185 euro), seguita da Stmicroelectronics (+1.13% a 35.305 euro) e Ferrari (+0.97% a 177.35 euro), che si riprende dopo alcuni giorni di buio.

Parte in fiacca Buzzi Unicem (-0,69% a 21.63 euro), seguito da Nexi (-0,31% a 17.645 euro) e Hera (-0,17% a 3.561 euro).

Latest News

I più letti