17.1 C
Milano
martedì, Settembre 21, 2021

Borse, avvio indeciso: Ftse Mib (0,4%) oltre i 26.100 punti

Un’altra settimana che parte con avvio sotto il segno della prudenza: (alle ore 09.28) il Ftse Mib segna +0,45% a 26117.74 punti, il Dax appena sopra la parità con +0,09% a 15776.210 punti così come il Cac 40 (+0,11% a 6824.67 punti; l’Aex più deciso segna +0,24% a 769.63 punti. Inizio giornata in fiacca per il Ftse100 (-0,17% a 7111.17 punti) e Ibex35 (-0,04% a 7111.17 punti).

A intimorire i mercati c’è sempre la preoccupazione per l’incrementare del numero dei contagi causati dalla variante Delta e delle conseguenti possibili restrizioni. Timori questi che sono evidenti anche dai futures di Wall Strett, che mostrano il segno meno (-0,15% il Dow Jones e -0,18% l’S&P500e Nasdaq -0,30%.), nonostante la scorsa settimana si sia chiusa con gli ottimi risultati sull’occupazione a luglio.

“Il report sull’occupazione è stato molto positivo in quasi tutti i suoi valori, suggerendo che l’economia ha proseguito la sua robusta espansione nonostante i recenti timori legati alla variante delta. Questo è di buon auspicio per una costante solidità degli utili anche nella seconda metà del 2021, che dovrebbe essere di supporto al mercato, specialmente per i settori economicamente più sensibili che sono stati ritardatari di recente” ha dichiarato Matt Peron, responsabile della Ricerca presso Janus Henderson Investors, che ha aggiunto: “I rischi rimangono, ma finora ci sono pochi segni di un impatto significativo dell’ondata estiva”.

In territorio decisamente positivo l’Asia con Shanghai a +1,23% a 3494.6347 punti, Hang Seng a +0,35% a 26270.20 punti e Shenzhen a +0,77% a 14941.4419 punti (Tokyo chiusa per festività).

Intanto lo spread Btp/Bund staziona a quota 102,8 punti base e il rendimento del Btp decennale allo 0,568%. Sul fronte delle commodities il Wti perde un ulteriore 2% a 66,80 dollari al barile, il Brent è in quota 69,30 (-1,95%). Molto debole anche l’oro, che scende sotto quota 1.800 e staziona a 1.745.

Per le valute, la moneta unica vede un leggero rialzo dello 0,04% nei confronti del dollaro e scambia a 1.1763, situazione analoga nei confronti della sterlina, dove scambia a 0,875 (0,03%); il dollaro in leggera flessione rispetto allo yen dove scambia a 110.14 (-0,05%). La sterlina invece guadagna sul biglietto a verde a +0,10% e scambia a 1.3877.

A Piazza Affari Unipol inizia in vetta, dove segna +1,99% a 4.726 euro, probabilmente ancora in scia dei dati semestrali, con un utile netto di 652 mln di euro, in crescita rispetto al 2020. Per lo stesso motivo si muove bene anche Pirelli, con +1,43% a 5.528euro, seguito da Stellantis (+1,38% a 18.12 euro) e Amplifon (+1,29% a 42.44 euro).

Una partenza negativa invece per Bper Banca (-1,85% a 1.7745  euro) e Banco Bpm (-1,1% a 2.708 euro). Tra i titoli bancari fiacca anche Unicredit che segna -0,17% a 10.39 euro.

Un’altra settimana che parte con avvio sotto il segno della prudenza: (alle ore 09.28) il Ftse Mib segna +0,45% a 26117.74 punti, il Dax appena sopra la parità con +0,09% a 15776.210 punti così come il Cac 40 (+0,11% a 6824.67 punti; l’Aex più deciso segna +0,24% a 769.63 punti. Inizio giornata in fiacca per il Ftse100 (-0,17% a 7111.17 punti) e Ibex35 (-0,04% a 7111.17 punti).

A intimorire i mercati c’è sempre la preoccupazione per l’incrementare del numero dei contagi causati dalla variante Delta e delle conseguenti possibili restrizioni. Timori questi che sono evidenti anche dai futures di Wall Strett, che mostrano il segno meno (-0,15% il Dow Jones e -0,18% l’S&P500e Nasdaq -0,30%.), nonostante la scorsa settimana si sia chiusa con gli ottimi risultati sull’occupazione a luglio.

“Il report sull’occupazione è stato molto positivo in quasi tutti i suoi valori, suggerendo che l’economia ha proseguito la sua robusta espansione nonostante i recenti timori legati alla variante delta. Questo è di buon auspicio per una costante solidità degli utili anche nella seconda metà del 2021, che dovrebbe essere di supporto al mercato, specialmente per i settori economicamente più sensibili che sono stati ritardatari di recente” ha dichiarato Matt Peron, responsabile della Ricerca presso Janus Henderson Investors, che ha aggiunto: “I rischi rimangono, ma finora ci sono pochi segni di un impatto significativo dell’ondata estiva”.

In territorio decisamente positivo l’Asia con Shanghai a +1,23% a 3494.6347 punti, Hang Seng a +0,35% a 26270.20 punti e Shenzhen a +0,77% a 14941.4419 punti (Tokyo chiusa per festività).

Intanto lo spread Btp/Bund staziona a quota 102,8 punti base e il rendimento del Btp decennale allo 0,568%. Sul fronte delle commodities il Wti perde un ulteriore 2% a 66,80 dollari al barile, il Brent è in quota 69,30 (-1,95%). Molto debole anche l’oro, che scende sotto quota 1.800 e staziona a 1.745.

Per le valute, la moneta unica vede un leggero rialzo dello 0,04% nei confronti del dollaro e scambia a 1.1763, situazione analoga nei confronti della sterlina, dove scambia a 0,875 (0,03%); il dollaro in leggera flessione rispetto allo yen dove scambia a 110.14 (-0,05%). La sterlina invece guadagna sul biglietto a verde a +0,10% e scambia a 1.3877.

A Piazza Affari Unipol inizia in vetta, dove segna +1,99% a 4.726 euro, probabilmente ancora in scia dei dati semestrali, con un utile netto di 652 mln di euro, in crescita rispetto al 2020. Per lo stesso motivo si muove bene anche Pirelli, con +1,43% a 5.528euro, seguito da Stellantis (+1,38% a 18.12 euro) e Amplifon (+1,29% a 42.44 euro).

Una partenza negativa invece per Bper Banca (-1,85% a 1.7745  euro) e Banco Bpm (-1,1% a 2.708 euro). Tra i titoli bancari fiacca anche Unicredit che segna -0,17% a 10.39 euro.

Latest News

I più letti