3.5 C
Milano
lunedì, Dicembre 6, 2021

Borsa, piazze europee in rosso. L’euro in fatica sul dollaro

Piazze europee in profondo rosso: (alle ore 11.00), il Ftse Mib si mostra molto debole (-1,22% a 27049.40 punti), mentre il Cac40 è in calo dello 0,85% a 7044.80 punti e il Dax dell’1,14% a 15931.950 punti. In decisa negatività anche Aex con -1,42% a 803.75 punti, Ibex (+0,65 a 8763.80 punti) e Ftse 100 (-0,35% a 7248.63 punti).

Anche a Wall Street i futures sono in rosso (-0,22% il Dow Jones e -0,21% l’S&P500). Ieri Biden ha confermato il secondo mandato per Jerome Powell come presidente della Fed, con Lael Brainard come vicepresidente; questa scelta di continuità sembra essere stata ben accettata dagli investitori.

Oggi la borsa di Tokyo rimane chiusa per festività. Il resto delle piazze asiatiche ha chiuso in direzioni opposte: Hang Seng ha terminato la seduta in perdita dell’1,20%, mentre Shanghai in rialzo dello 0,20% e Shenzhen in calo dello 0,37%.

L’azionario cinese (Shanghai) ha chiuso in rialzo, con l’aumento della propensione al rischio sulla prospettiva che Pechino riduca i costi di indebitamento e aiuti le piccole imprese. Il settore immobiliare ha recuperato le perdite dopo che alle banche è stato detto di concedere più prestiti per progetti immobiliari.

Nell’obbligazionario lo spread Btp/Bund è a quota 123,7 punti base con il rendimento del Btp 10 anni allo 0,966%, Il rendimento statunitense del titolo di Stato a dieci anni tratta all’1,637%, +0,012.

Nelle commodities, i prezzi del petrolio in calo: il Wti segna -1,04% a 75,95 dollari al barile e il Brent tratta a 79,13 dollari al barile, -0,72%. L’oro cala dello 0,10% a 1.804 dollari l’oncia.

Nel valutario l’euro fatica a rimontare sul dollaro (+0,25%) e scambia a 1,1262, mentre in ripresa sulla sterlina (+0,43%) dove scambia a 0.8420. Situazione di stabilità per il dollaro sullo yen (-0,07%), dove scambia a 114.80, mentre in discesa cross tra sterlina e biglietto verde (-0,14%) a 1.3376. 

A Piazza Affari rimane positiva Telecom Italia a +1,62%. Bene anche Leonardo che segna +1,1% e Nexi (+1,05%).

Deboli invece Finecobank (-2,66%), Mediobanca (-2,28%) e Tenaris (-2,38%).

FINECOBANK – Tradingview

Latest News

Web TV