22.4 C
Milano
lunedì, Settembre 20, 2021

Borsa, listini europei poco mossi. Seduta record per S&P 500 e Nasdaq

C’è ancora poca convinzione nell’aria e i listini europei aprono anche oggi poco mossi: (alle ore 10.00) il Ftse Mib guadagna lo 0,13% a 26057.34 punti, il Cac40 lo 0,09% a 6693.48 punti. Il Dax vede un rialzo dello 0,48% a 15963.990 punti, così come Aex che segna +0,39% a 792.22 punti. Si muovono in territorio negativo invece Ibex 35, in calo dello 0,11% a 8857.80 punti e Ftse 100 che perde lo 0,07% a 7143.10 a punti.

Ieri, altra seduta record per S&P 500 (+0,43% a 4528.80 punti) e Nasdaq (+0,90% a 15265.89 punti) che hanno aggiornato i rispettivi record intraday e in chiusura; dopo un andamento poco mosso, il Dow Jones ha invece chiuso in lieve calo (-0,16% a 35399.85 punti).

Lo spread tra Btp e Bund ha aperto quota 105,3 punti con il rendimento del Btp 10 anni in aumento allo 0,619%.

L’azionario giapponese ha recuperato le perdite iniziali e chiuso la seduta in rialzo, interrompendo la serie di chiusure negative nell’ultimo giorno del mese durata undici mesi, grazie ai guadagni degli altri listini asiatici e agli sviluppi politici nel Paese. L’indice Nikkei ha segnato +1,08% a 28.089,54 punti e ha chiuso sopra i 28.000 punti per la prima volta dal 12 agosto. Bene anche Hang Seng che ha guadagnato l’1,33% a 25878.99 punti, mentre Shanghai lo 0,45% a 3543.9402 punti; Shenzhen invece ha chiuso in negativo con -0,66% a 14328.3818 punti.

In attesa della riunione dell’Opec prevista per domani il prezzo del petrolio scende ancora: il Wti in calo lo 0,06% a 69,17 dollari al barile, così come il Brent (-0,06%) a 72,19 dollari al barile; sale invece l’oro, ormai sopra quota 1800 (+0,33% a 1.818 dollari l’oncia).

Nel valutario l’euro riprende terreno sul biglietto verde (+0,25%) e scambia a 1,1825, come nei confronti della sterlina (+0,17%) e scambia a 0.8585. Il dollaro si muove in leggera flessione sullo yen (-0,05%), dove scambia a 109.86, mentre la sterlina ritrova forza (+0,15%) sul dollaro e scambia a 1.3777.

Tra i migliori titoli di Piazza Affari, in evidenza  STMicroelectronics (+1,54%), DiaSorin (+1,28%) e Banca Generali (+0,94%).

Debole invece A2A (-0,75%), Stellantis (+-0,65%) e Saipem (-0,64%).

C’è ancora poca convinzione nell’aria e i listini europei aprono anche oggi poco mossi: (alle ore 10.00) il Ftse Mib guadagna lo 0,13% a 26057.34 punti, il Cac40 lo 0,09% a 6693.48 punti. Il Dax vede un rialzo dello 0,48% a 15963.990 punti, così come Aex che segna +0,39% a 792.22 punti. Si muovono in territorio negativo invece Ibex 35, in calo dello 0,11% a 8857.80 punti e Ftse 100 che perde lo 0,07% a 7143.10 a punti.

Ieri, altra seduta record per S&P 500 (+0,43% a 4528.80 punti) e Nasdaq (+0,90% a 15265.89 punti) che hanno aggiornato i rispettivi record intraday e in chiusura; dopo un andamento poco mosso, il Dow Jones ha invece chiuso in lieve calo (-0,16% a 35399.85 punti).

Lo spread tra Btp e Bund ha aperto quota 105,3 punti con il rendimento del Btp 10 anni in aumento allo 0,619%.

L’azionario giapponese ha recuperato le perdite iniziali e chiuso la seduta in rialzo, interrompendo la serie di chiusure negative nell’ultimo giorno del mese durata undici mesi, grazie ai guadagni degli altri listini asiatici e agli sviluppi politici nel Paese. L’indice Nikkei ha segnato +1,08% a 28.089,54 punti e ha chiuso sopra i 28.000 punti per la prima volta dal 12 agosto. Bene anche Hang Seng che ha guadagnato l’1,33% a 25878.99 punti, mentre Shanghai lo 0,45% a 3543.9402 punti; Shenzhen invece ha chiuso in negativo con -0,66% a 14328.3818 punti.

In attesa della riunione dell’Opec prevista per domani il prezzo del petrolio scende ancora: il Wti in calo lo 0,06% a 69,17 dollari al barile, così come il Brent (-0,06%) a 72,19 dollari al barile; sale invece l’oro, ormai sopra quota 1800 (+0,33% a 1.818 dollari l’oncia).

Nel valutario l’euro riprende terreno sul biglietto verde (+0,25%) e scambia a 1,1825, come nei confronti della sterlina (+0,17%) e scambia a 0.8585. Il dollaro si muove in leggera flessione sullo yen (-0,05%), dove scambia a 109.86, mentre la sterlina ritrova forza (+0,15%) sul dollaro e scambia a 1.3777.

Tra i migliori titoli di Piazza Affari, in evidenza  STMicroelectronics (+1,54%), DiaSorin (+1,28%) e Banca Generali (+0,94%).

Debole invece A2A (-0,75%), Stellantis (+-0,65%) e Saipem (-0,64%).

Latest News

I più letti