22.4 C
Milano
lunedì, Settembre 20, 2021

Borsa, la Bce rasserena i mercati (ma non troppo). Buzzi Unicem sprofonda a -3%

Dopo due giorni di rosso, si vede spuntare qualche debole colore verde tra i listini europei, dopo l’annuncio della Bce di un ridimensionamento del PEPP: Milano termina la seduta a +0,13% a 25909.84 punti, seguita da Parigi a +0,24% a 6684.72 punti. Meno decisa Francoforte in lieve rialzo dello 0,08% a 15623.150 punti. Chiusura negativa invece per Madrid, che segna -0,43% a 8800.60 punti, Londra (-1,00% a 77024.22 punti) e Amsterdam (-0,23% a 787.17 punti).

Anche a Wall Street la partenza è debole: il Dow Jones in calo dello 0,03% a 35019.64 punti, l’S&P 500 perde lo 0,04% a 4512.18 punti mentre il Nasdaq gaudagna dello 0,18% a 15314.45 punti.

Nell’obbligazionario, il tasso del Bund è poco mosso a -0,3625% (+0,41%), quello del Btp è fermo a 0,661% e quello del Treasury scende a quota 1,321% (-1,44%); lo spread scende a 102 punti base.

Sul fronte delle commodities, il Wti tratta a 69,47 dollari il barile (+0,29%) e il Brent scambia a 72,71 (+0,15%). Poco mosso anche l’oro, che rimane a 1.794 dollari l’oncia (+0,01%).

Nel valutario l’euro si riprende sul dollaro (+0,12%) e scambia a 1,1827, mentre è in flessione nei confronti della sterlina (-0,45%) e scambia a 0.8539. Il dollaro in calo sullo yen (-0,45%), dove scambia a 109.76, mentre la moneta britannica è in deciso (+0,57%) sul biglietto verde e scambia a 1.3850.

A Piazza Affari buone performance per Saipem (+2,86%), Prysmian (+1,81%), Interpump Group (+1,79%) e Banco Bpm (+0,85%).

Forti vendite invece per Buzzi Unicem, che chiude a -3,07%.

Dopo due giorni di rosso, si vede spuntare qualche debole colore verde tra i listini europei, dopo l’annuncio della Bce di un ridimensionamento del PEPP: Milano termina la seduta a +0,13% a 25909.84 punti, seguita da Parigi a +0,24% a 6684.72 punti. Meno decisa Francoforte in lieve rialzo dello 0,08% a 15623.150 punti. Chiusura negativa invece per Madrid, che segna -0,43% a 8800.60 punti, Londra (-1,00% a 77024.22 punti) e Amsterdam (-0,23% a 787.17 punti).

Anche a Wall Street la partenza è debole: il Dow Jones in calo dello 0,03% a 35019.64 punti, l’S&P 500 perde lo 0,04% a 4512.18 punti mentre il Nasdaq gaudagna dello 0,18% a 15314.45 punti.

Nell’obbligazionario, il tasso del Bund è poco mosso a -0,3625% (+0,41%), quello del Btp è fermo a 0,661% e quello del Treasury scende a quota 1,321% (-1,44%); lo spread scende a 102 punti base.

Sul fronte delle commodities, il Wti tratta a 69,47 dollari il barile (+0,29%) e il Brent scambia a 72,71 (+0,15%). Poco mosso anche l’oro, che rimane a 1.794 dollari l’oncia (+0,01%).

Nel valutario l’euro si riprende sul dollaro (+0,12%) e scambia a 1,1827, mentre è in flessione nei confronti della sterlina (-0,45%) e scambia a 0.8539. Il dollaro in calo sullo yen (-0,45%), dove scambia a 109.76, mentre la moneta britannica è in deciso (+0,57%) sul biglietto verde e scambia a 1.3850.

A Piazza Affari buone performance per Saipem (+2,86%), Prysmian (+1,81%), Interpump Group (+1,79%) e Banco Bpm (+0,85%).

Forti vendite invece per Buzzi Unicem, che chiude a -3,07%.

Latest News

I più letti