17.1 C
Milano
martedì, Settembre 21, 2021

Borsa, avvio incerto in attesa dei dati su inflazione Usa. Tokyo ai massimi da 31 anni

Un Europa ancora poco convinta in Borsa: (alle ore 10.20), il Ftse Mib guadagna lo 0,32%, tornando sopra quota 26000 a 26007.43 punti. Il Cac40 è invece in flessione dello 0,70% a 6630.25 punti, mentre il Dax è fermo (+ 0,02%) a 15703.870 punti. Poco mosso Aex (+0,11% a 792.29 punti), così come Ibex35 (-0,06% a 8810.70 punti) mentre il Ftse 100 perde lo 0,30% a 7047.51 punti.

Anche i future di Wall Street si presentano stabili (+0,02% il Dow Jones e +0,02% l’S&P500).

Il Treasury a 10 anni sale all’1,326% in attesa del dato sull’inflazione negli Stati Uniti ad agosto; lo spread Btp/Bund cala a quota 100,88 punti base e il rendimento del Btp decennale scende allo 0,68%. 

L’azionario nipponico ha chiuso ai massimi di oltre 31 anni, sostenuto dai titoli ciclici e dai guadagni di Wall Street, mentre i progressi nella distribuzione di vaccini nel Paese hanno alimentato le speranze di una ripartenza dell’economia. Il Nikkei è salito dello 0,73% a 30.670,10, il livello più alto dall’agosto 1990. In calo il resto dei listini asiatici: Hang Seng ha chiuso a -1,21% a 25502.23 punti, Shanghai ha perso l’ 1,42% a 3662.6014 punti e Schenzen è in flessione dello 0,54% a 14626.0848 punti.

Sul fronte commodities continua la crescita del greggio: il Wti scambia sopra i 71 dollari al barile, il brent sopra i 74; l’oro rimane invece sotto quota 1.800, a circa 1.795 dollari l’oncia.

Nel valutario l’euro in leggera ripresa sul dollaro (+0,11%) e scambia a 1,1823, mentre è in calo con la sterlina (-0,09%) dove scambia a 0.8521. Il dollaro poco mosso sullo yen (+0,03%), dove scambia a 110.034, mentre è in rialzo la sterlina (+0,26%) sul biglietto verde e scambia a 1.3873.

A Piazza Affari inzia bene la giornata Banca Generali (+1,54%), Diasorin (+1,07%), Ferrari (+1,06%) e Stellantis (+0,82%).

Negativi invece Moncler (-1,02%), Nexi (-0,56%) e Campari (-0,52%).

Un Europa ancora poco convinta in Borsa: (alle ore 10.20), il Ftse Mib guadagna lo 0,32%, tornando sopra quota 26000 a 26007.43 punti. Il Cac40 è invece in flessione dello 0,70% a 6630.25 punti, mentre il Dax è fermo (+ 0,02%) a 15703.870 punti. Poco mosso Aex (+0,11% a 792.29 punti), così come Ibex35 (-0,06% a 8810.70 punti) mentre il Ftse 100 perde lo 0,30% a 7047.51 punti.

Anche i future di Wall Street si presentano stabili (+0,02% il Dow Jones e +0,02% l’S&P500).

Il Treasury a 10 anni sale all’1,326% in attesa del dato sull’inflazione negli Stati Uniti ad agosto; lo spread Btp/Bund cala a quota 100,88 punti base e il rendimento del Btp decennale scende allo 0,68%. 

L’azionario nipponico ha chiuso ai massimi di oltre 31 anni, sostenuto dai titoli ciclici e dai guadagni di Wall Street, mentre i progressi nella distribuzione di vaccini nel Paese hanno alimentato le speranze di una ripartenza dell’economia. Il Nikkei è salito dello 0,73% a 30.670,10, il livello più alto dall’agosto 1990. In calo il resto dei listini asiatici: Hang Seng ha chiuso a -1,21% a 25502.23 punti, Shanghai ha perso l’ 1,42% a 3662.6014 punti e Schenzen è in flessione dello 0,54% a 14626.0848 punti.

Sul fronte commodities continua la crescita del greggio: il Wti scambia sopra i 71 dollari al barile, il brent sopra i 74; l’oro rimane invece sotto quota 1.800, a circa 1.795 dollari l’oncia.

Nel valutario l’euro in leggera ripresa sul dollaro (+0,11%) e scambia a 1,1823, mentre è in calo con la sterlina (-0,09%) dove scambia a 0.8521. Il dollaro poco mosso sullo yen (+0,03%), dove scambia a 110.034, mentre è in rialzo la sterlina (+0,26%) sul biglietto verde e scambia a 1.3873.

A Piazza Affari inzia bene la giornata Banca Generali (+1,54%), Diasorin (+1,07%), Ferrari (+1,06%) e Stellantis (+0,82%).

Negativi invece Moncler (-1,02%), Nexi (-0,56%) e Campari (-0,52%).

Latest News

I più letti