17.1 C
Milano
martedì, Settembre 21, 2021

Borsa, avvio in cautela. Nasdaq ha toccato un picco intraday oltre quota 15 mila

Un’altra giornata che inizia senza troppi entusiasmi: (alle ore 9.45) il Ftse Mib perde lo 0,06% rimanendo a pelo sopra quota 26000, a 26013.11 punti; il Cac40 si mostra in rialzo dello 0,26% a 6681.51 punti, seguito da Ftse 100 (+0,21% a 7140.49 punti), Aex (+0,24% a 785.04 punti) e Ibex 35 (0,23% a 8969.60 punti) Poco mosso il Dax, in leggero rialzo dello 0,05% a 15913.770 punti.

Anche Wall Street ha chiuso le contrattazioni sopra la parità: il Nasdaq ha toccato un picco intraday oltre quota 15 mila e ha terminato la seduta a 15019.80 punti (+0,52%); meno mosso il Dow Jones, che chiude a +0,09% a 35366.27 punti e l’S&P 500, in rialzo dello 0,15% a 4486.22 punti.

Lo spread tra Btp e Bund ha aperto quota 104,85 punti. Stabile anche il rendimento del BTp decennale benchmark che si attesta allo 0,57 per cento mentre il Treasury si aggira intorno all’1,285% (-0,37%).

La borsa di Tokyo ha chiuso in ribasso dopo un buon inizio, nonostante il rimbalzo di Toyota Motor e del settore auto. Gli investitori rimangono prudenti in attesa del discorso del presidente della Federal Reserve Jerome Powell venerdì. L’indice Nikkei NI225 è scivolato dello 0,03% a 27.724,80 punti. Chiude in negativo anche Hang Seng a -0,30% a 25649.9 punti, mentre Shanghai guadagna lo 0,74% a 3540.3836 punti e Shenzhen segna un rialzo dello 0,23% a 14697.4968 punti.

Tra le commodities le quotazioni del greggio sono in ribasso a causa dei nuovi timori per la diffusione della variante Delta: il Wti cede lo 0,30% a 67,35 dollari al barile e il Brent fa -0,21% a 70,91 dollari al barile; l’oro cede lo 0,66% a 1.796 dollari l’oncia. Nel valutario l’euro perde terreno nei confronti del dollaro e scambia a 1.1742 (-0,09%); perde forza anche con la sterlina, dove scambia a 0,8553 (+0,07%).

Il dollaro in ripresa nei confronti dello yen dove scambia a 109.75 (+0,06%). La sterlina poco mossa sul biglietto a verde a +0,02% e scambia a 1.3730 punti.

Avvio lento a Piazza Affari: in rialzo Campari (+0,89%), Nexi (0,79%) e A2A (0,63%). Inizio giornata negativo per Terna (-1,88%), Saipem (-1,61%) e Italgas (1,58%).

Un’altra giornata che inizia senza troppi entusiasmi: (alle ore 9.45) il Ftse Mib perde lo 0,06% rimanendo a pelo sopra quota 26000, a 26013.11 punti; il Cac40 si mostra in rialzo dello 0,26% a 6681.51 punti, seguito da Ftse 100 (+0,21% a 7140.49 punti), Aex (+0,24% a 785.04 punti) e Ibex 35 (0,23% a 8969.60 punti) Poco mosso il Dax, in leggero rialzo dello 0,05% a 15913.770 punti.

Anche Wall Street ha chiuso le contrattazioni sopra la parità: il Nasdaq ha toccato un picco intraday oltre quota 15 mila e ha terminato la seduta a 15019.80 punti (+0,52%); meno mosso il Dow Jones, che chiude a +0,09% a 35366.27 punti e l’S&P 500, in rialzo dello 0,15% a 4486.22 punti.

Lo spread tra Btp e Bund ha aperto quota 104,85 punti. Stabile anche il rendimento del BTp decennale benchmark che si attesta allo 0,57 per cento mentre il Treasury si aggira intorno all’1,285% (-0,37%).

La borsa di Tokyo ha chiuso in ribasso dopo un buon inizio, nonostante il rimbalzo di Toyota Motor e del settore auto. Gli investitori rimangono prudenti in attesa del discorso del presidente della Federal Reserve Jerome Powell venerdì. L’indice Nikkei NI225 è scivolato dello 0,03% a 27.724,80 punti. Chiude in negativo anche Hang Seng a -0,30% a 25649.9 punti, mentre Shanghai guadagna lo 0,74% a 3540.3836 punti e Shenzhen segna un rialzo dello 0,23% a 14697.4968 punti.

Tra le commodities le quotazioni del greggio sono in ribasso a causa dei nuovi timori per la diffusione della variante Delta: il Wti cede lo 0,30% a 67,35 dollari al barile e il Brent fa -0,21% a 70,91 dollari al barile; l’oro cede lo 0,66% a 1.796 dollari l’oncia. Nel valutario l’euro perde terreno nei confronti del dollaro e scambia a 1.1742 (-0,09%); perde forza anche con la sterlina, dove scambia a 0,8553 (+0,07%).

Il dollaro in ripresa nei confronti dello yen dove scambia a 109.75 (+0,06%). La sterlina poco mossa sul biglietto a verde a +0,02% e scambia a 1.3730 punti.

Avvio lento a Piazza Affari: in rialzo Campari (+0,89%), Nexi (0,79%) e A2A (0,63%). Inizio giornata negativo per Terna (-1,88%), Saipem (-1,61%) e Italgas (1,58%).

Latest News

I più letti