9.6 C
Milano
lunedì, Ottobre 25, 2021

Biden, a breve il warning alle aziende Usa: “Rischio operare a Hong Kong”

Arriva il contrattacco da parte di Biden. Secondo quanto riportato in esclusiva dal Financial Times, l’amministrazione della Casa Bianca nei prossimi giorni metterà in guardia le società statunitensi sui rischi di operare a Hong Kong, sia in risposta all’escalation delle tensioni commerciali e finanziarie delle scorse settimane ma anche e soprattutto per l’intenzione del governo cinese di accedere ai dati che le aziende straniere trasmettono a Hong Kong.

Come sottolineato dall’Huffpost, questa arebbe la prima volta che un’amministrazione Usa emette un alert commerciale sull’ex colonia britannica, ma Joe Biden sarebbe deciso a emettere un ‘warning’ e imporre più sanzioni in risposta al giro di vite di Pechino sul movimento pro-democrazia a Hong Kong e al genocidio che gli Stati Uniti hanno accusato Pechino di commettere contro gli uiguri musulmani nello Xinjiang. Un avvertimento analogo a quello che l’anno scorso l’amministrazione Trump emise sullo Xinjiang. La settimana scorsa, il dipartimento del commercio degli Stati Uniti ha aggiunto 14 aziende cinesi alla sua lista nera delle esportazioni, accusandole di essere coinvolte in abusi dei diritti umani e sorveglianza nello Xinjiang

“Vogliamo sollecitare la comunità imprenditoriale a essere consapevole del rischio reputazionale, economico e legale del suo coinvolgimento con entità coinvolte in abusi dei diritti umani”, ha detto il funzionario al Ft.

Come riportato da Reuters, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian in una conferenza stampa avrebbe indicato tale decisione degli USA come la “tipica manipolazione politica e doppi standard” di Washington, affermando anche che i diritti degli investitori stranieri a sono esplicitamente protetti dalle leggi di Hong Kong.

Il governo cinese avrebbe anche respinto le accuse di genocidio e lavoro forzato nello Xinjiang, ribadendo come alcune politiche siano necessarie per eliminare i separatisti e gli estremisti religiosi che hanno pianificato attacchi e suscitato tensioni tra gli uiguri di etnia per lo più musulmani e gli Han, il più grande gruppo etnico della Cina.

Latest News

Web TV