11 C
Milano
domenica, Ottobre 17, 2021

Auto, nel 2021 danni per $210 miliardi per disagi forniture

Le case automobilistiche globali potrebbero perdere $210 miliardi di entrate quest’anno a causa delle interruzioni della catena di approvvigionamento. Così afferma la società di consulenza Alixpartners sentita da Reuters.

La carenza di semiconduttori, però, sarebbe solo una parte del problema: prezzi elevati e scarse forniture di materie prime come acciaio e resina plastica stanno facendo aumentare i costi e costringendo le case automobilistiche a ridurre la produzione. Le case automobilistiche sono sulla buona strada per perdere la produzione di 7,7 milioni di veicoli nel 2021, secondo le nuove previsioni.

La nuova previsione cupa arriva tra gli avvertimenti delle case automobilistiche e dei produttori di camion commerciali che la carenza di semiconduttori e i picchi dei prezzi delle materie prime non si stanno attenuando mentre il 2021 si avvia ai suoi ultimi mesi, come speravano i dirigenti del settore. Secondo Dan Hearsch, amministratore delegato dello studio automobilistico Alixpartners, nel mercato statunitense le vendite di veicoli hanno iniziato a rallentare perché le scorte sui lotti dei concessionari sono di circa 20 giorni di fornitura, meno della metà dei livelli normali. “Inizialmente pensavamo di tornare alla normalità e di recuperare il volume” nel quarto trimestre, ha detto Hearsch. “Non succederà.”

Le case automobilistiche potrebbero avere scorte limitate fino alla fine del 2022 o all’inizio del 2023, questo perché le forniture di semiconduttori sono state colpite negli ultimi mesi da un’ondata di COVID in Malesia, che ha ostacolato la produzione presso importanti fornitori. Gli arretrati nei principali porti statunitensi stanno ostacolando gli sforzi dei produttori di auto per importare più resine plastiche e acciaio. In risposta, le case automobilistiche si stanno impegnando a contratti più lunghi per bloccare le forniture, acquistando fino a 40-50 settimane in anticipo.

La scorsa settimana, anche IHS Markit ha ridotto le sue prospettive di produzione globale dell’industria automobilistica per il 2021 e il 2022.

Latest News

Web TV