26.2 C
Milano
domenica 22 Maggio 2022

Australia, Banca centrale aumenta i tassi per prima volta in 11 anni

Sidney – La Reserve Bank of Australia (RBA) ha deciso di aumentare il cash rate di 25 punti base a 35 punti base, contro attese del mercato per un rialzo di 15 punti base. La banca centrale australiana ha anche aumentato il tasso di interesse sui saldi di regolamento di cambio da zero per cento a 25 punti base. Si tratta del primo rialzo dei tassi da novembre 2010. “Il consiglio si impegna a fare quanto necessario per garantire che l’inflazione in Australia torni all’obiettivo nel tempo – ha affermato il governatore Philip Lowe – Ciò richiederà un ulteriore aumento dei tassi di interesse nel prossimo periodo”.

Il board dell’RBA ha ritenuto che questo fosse il momento giusto per iniziare a ritirare parte dello straordinario sostegno monetario messo in atto per aiutare l’economia australiana durante la pandemia, si legge nel comunicato diffuso al termine della riunione di politica monetaria. “L’economia ha dimostrato di essere resiliente e l’inflazione è aumentata più rapidamente e a un livello più elevato di quanto previsto – si legge nel documento – Ci sono anche prove che la crescita dei salari è in ripresa”.

Anche le prospettive di crescita economica in Australia rimangono positive, sebbene permangano incertezze sull’economia globale derivanti da: le continue interruzioni dovute al COVID-19, soprattutto in Cina; la guerra in Ucraina; e il calo del potere d’acquisto dei consumatori a causa dell’aumento dell’inflazione. La previsione centrale è che il PIL australiano cresca del 4,25% nel 2022 e del 2% nel 2023.

Nel corso dell’anno fino al trimestre di marzo, l’inflazione complessiva è stata del 5,1% e in termini di fondo l’inflazione è stata del 3,7%. “Questo aumento dell’inflazione riflette in gran parte fattori globali – ha sottolineato Lowe – Ma i vincoli di capacità interna stanno giocando un ruolo sempre più importante e le pressioni inflazionistiche si sono ampliate, con le imprese più pronte a trasferire l’aumento dei costi ai prezzi al consumo. Si prevede un ulteriore aumento dell’inflazione nel breve termine, ma una volta risolte le interruzioni dal lato dell’offerta, l’inflazione dovrebbe tornare a scendere verso l’intervallo obiettivo del 2-3%”. La previsione centrale per il 2022 prevede un’inflazione complessiva di circa il 6% e un’inflazione di fondo di circa il 4,75%.

Latest News