15.3 C
Milano
venerdì 7 Ottobre 2022

Assogestioni, raccolta 2° trimestre negativa per 4,17 miliardi

Milano – L’industria del risparmio gestito chiude il secondo trimestre dell’anno con una raccolta netta negativa per 4,17 miliardi di euro ed un patrimonio gestito che si attesta a fine giugno a 2.257 miliardi di euro. E’ quanto emerge dai dati definitivi comunicati da Assogestioni, che rivede al rialzo le stime preliminari di raccolta (-4,42 miliardi). Il dato relativo alla raccolta dei primi sei mesi del 2022 resta positivo per 6,75 miliardi di euro. In un periodo segnato ancora dalle incertezze geopolitiche e dalle turbolenze dei mercati finanziari, l’effetto mercato ha comportato una variazione di circa -7% del patrimonio. Limitato l’impatto dell’effetto raccolta, come confermano le sottoscrizioni dei fondi aperti, che mostrano un saldo sostanzialmente invariato, con flussi netti pari a -851 milioni di euro per un patrimonio gestito complessivo di 1.095 miliardi di euro.

Il dettaglio di questa fa emergere, da un lato, il continuo appetito per i prodotti azionari (+6,4 miliardi) e bilanciati (+1,7 miliardi), dall’altro la disaffezione dai fondi obbligazionari (-9,8 miliardi). Contenute le uscite dai fondi flessibili (-780 milioni). Confermato il saldo negativo delle gestioni di portafoglio che nei tre mesi a fine giugno hanno registrato una raccolta netta di -4,9 miliardi, per un patrimonio gestito di 1.081 miliardi. Nessuna variazione sostanziale per i Piani Individuali di Risparmio, con i fondi ordinari che hanno rilevato deflussi per 195 milioni e quelli alternativi che hanno registrato afflussi netti positivi pari a 152 milioni, per un saldo complessivo di -43 milioni nel periodo. Il patrimonio complessivo, censito sulla base di 65 PIR ordinari e 13 alternativi, risulta pari a 18,9 miliardi.

Latest News