22.4 C
Milano
lunedì, Settembre 20, 2021

Adidas, dopo la vendita di Reebok per 2,5 mld il titolo vola in Borsa. Dax supera i 16000 punti

Adidas AG ha dichiarato di aver accettato di vendere Reebok a Authentic Brands Group per un massimo di circa 2,5 miliardi di dollari, circa 15 anni dopo aver acquisito il marchio di fitness statunitense e aver tentato di rinnovarlo.

L’azienda tedesca di articoli sportivi è riuscita a migliorare il business di Reebok, ma le sue vendite sono rimaste indietro rispetto a quelle della stessa Adidas e hanno ridotto i profitti del gruppo.

Adidas, che nel dicembre 2020 ha detto che stava esplorando una vendita Reebok, ha acquisito il marchio nel 2006 per circa 3 miliardi di euro come parte di un’offerta per espandersi negli Stati Uniti. La società ha valutato il valore dell’accordo con Authentic Brands fino a € 2,1 miliardi.

Negli ultimi anni, Authentic Brands si è fatta un nome raccogliendo altri grandi marchi al dettaglio come JCPenney e Forever 21.

Giovedì Adidas ha dichiarato che la maggior parte della transazione sarà pagata in contanti alla chiusura dell’accordo, con il resto costituito da commissioni differite e contingenti. La società ha affermato che prevede di condividere gran parte dei proventi in contanti con gli azionisti dopo la chiusura dell’accordo, che dovrebbe avvenire nel primo trimestre del prossimo anno.

Dopo l’annuncio della vendita, il titolo festeggia e si attesta a 319,9, con un aumento del 2,53%, e risulta il miglior titolo del DAX 30. E nel mentre, l’indice di Francoforte ha superato per la prima volta i 16.000 punti.

Sebbene l’attuale stagione dei rapporti sia stata estremamente positiva dopo il precedente blocco della corona, l’attuale mercato rialzista sul mercato azionario è anche un prodotto dell’inflazione e della politica monetaria. Perché in considerazione della politica di tasso zero ancora applicabile della Banca Centrale Europea (BCE) con contestuale eccesso di inflazione, molti attori vedono gli investimenti aziendali sotto forma di azioni come l’unica reale possibilità di investimento di capitale.

Adidas AG ha dichiarato di aver accettato di vendere Reebok a Authentic Brands Group per un massimo di circa 2,5 miliardi di dollari, circa 15 anni dopo aver acquisito il marchio di fitness statunitense e aver tentato di rinnovarlo.

L’azienda tedesca di articoli sportivi è riuscita a migliorare il business di Reebok, ma le sue vendite sono rimaste indietro rispetto a quelle della stessa Adidas e hanno ridotto i profitti del gruppo.

Adidas, che nel dicembre 2020 ha detto che stava esplorando una vendita Reebok, ha acquisito il marchio nel 2006 per circa 3 miliardi di euro come parte di un’offerta per espandersi negli Stati Uniti. La società ha valutato il valore dell’accordo con Authentic Brands fino a € 2,1 miliardi.

Negli ultimi anni, Authentic Brands si è fatta un nome raccogliendo altri grandi marchi al dettaglio come JCPenney e Forever 21.

Giovedì Adidas ha dichiarato che la maggior parte della transazione sarà pagata in contanti alla chiusura dell’accordo, con il resto costituito da commissioni differite e contingenti. La società ha affermato che prevede di condividere gran parte dei proventi in contanti con gli azionisti dopo la chiusura dell’accordo, che dovrebbe avvenire nel primo trimestre del prossimo anno.

Dopo l’annuncio della vendita, il titolo festeggia e si attesta a 319,9, con un aumento del 2,53%, e risulta il miglior titolo del DAX 30. E nel mentre, l’indice di Francoforte ha superato per la prima volta i 16.000 punti.

Sebbene l’attuale stagione dei rapporti sia stata estremamente positiva dopo il precedente blocco della corona, l’attuale mercato rialzista sul mercato azionario è anche un prodotto dell’inflazione e della politica monetaria. Perché in considerazione della politica di tasso zero ancora applicabile della Banca Centrale Europea (BCE) con contestuale eccesso di inflazione, molti attori vedono gli investimenti aziendali sotto forma di azioni come l’unica reale possibilità di investimento di capitale.

Latest News

I più letti